PENETROMETRICA

Le prove penetrometriche dinamiche vengono usate per lo studio dettagliato delle caratteristiche litostratigrafiche e geomeccaniche del terreno.
La prova penetrometrica dinamica consiste nell’infiggere nel terreno una punta conica (per tratti consecutivi d) misurando il numero di colpi N necessari. Le Prove Penetrometriche Dinamiche sono molto diffuse ed utilizzate nel territorio da geologi e geotecnici, data la loro semplicità esecutiva, economicità e rapidità di esecuzione.
La loro elaborazione, interpretazione e visualizzazione grafica consente di “catalogare e parametrizzare” il suolo attraversato un’immagine in continuo, che permette anche di avere un raffronto sulle consistenze dei vari livelli attraversati e una correlazione diretta con sondaggi geognostici per la caratterizzazione stratigrafica.
La sonda penetrometrica permette inoltre di riconoscere abbastanza precisamente lo spessore delle coltri sul substrato, la quota di eventuali falde e superfici di rottura sui pendii, e la consistenza in generale del terreno.
Classificazione ISSMFE dei penetrometri dinamici:

Tipo

Sigla di riferimento

peso della massa
M (kg)

prof.max indagine battente (m)

Leggero

DPL (Light)

M £ 10

8

Medio

DPM (Medium)

10 < M < 40

20-25

Pesante

DPH (Heavy)

40 £ M < 60

25

Super pesante  (Super Heavy)

DPSH

M ³ 60

25

I commenti sono chiusi